Santa Caterina dello Ionio è un comune che si affaccia sullo Ionio meridionale catanzarese in Calabria. Le origini di Santa Caterina si fanno risalire intorno all’anno 1000 quando, a causa degli assalti dei Saraceni, gli abitanti dei vari villaggi si rifugiarono in luoghi isolati della zona, scegliendo infine il poggio sul quale oggi sorge Santa Caterina dando vita ad un piccolo villaggio cinto da mura difensive, nelle quali si aprivano quattro porte, di cui una sola – la “Porta dell’acqua“- è ancora possibile ammirare e dalla  quale si raggiunge la splendida Chiesa di Santa Maria Assunta (chiesa Matrice) edificata nel XVII e ricostruita dopo lo spaventoso incendio che interessò il borgo nel 1983. Seppur l’ incendio del 1983 abbia inflitto un colpo mortale  alla vita del borgo tuttavia non ne ha scalfito il carattere, la magia e la sua ricchezza storico/architettonica vista la presenza di numerosi monumenti chiese e palazzi nobiliari con splendidi portali in granito. Ancor oggi, Santa Caterina, si presenta come un dedalo di stradine, di salite e discese, di vicoli e vicoletti dove le costruzioni sorgono fitte fitte ma che a tratti si aprono in  scorci con panorami incredibili dove la natura sfoggia, in ogni stagione,  i suoi colori più belli e l’azzurro del cielo si specchia nelle acque del mare.